Go to Top

Caso Mills; Berlusconi ricusa il giudice

Caso Mills, Berlusconi deposita la ricusazione del giudice
L’istanza riguarda il processo in cui il premier è imputato per corruzione in atti giudiziari

Cari amici,

Un famoso politico di cui non ricordo il nome, usava dire che “il potere logora chi non ce l’ ha!”.

Ebbene, i tempi cambiano, ma la storia si ripete.
Il nostro presidente del Consiglio, imputato per vari gravi reati, tra cui la corruzione in atti giudiziari, approfitta del suo potere per allontanare il rischio di condanna.

E’ triste sospettare che un altro politico, magari di schieramento opposto, avrebbe agito nello stesso modo, ma io che sono maligno, lo sospetto!

Ho pochissima fiducia nei nostri politicanti!
Essi sono pagati troppo, ed agiscono in massima parte soltanto per mantenere ed aumentare il proprio potere e la propria influenza politica.

E’ anche vero che non possiamo fare a meno di rappresentanti, ma perchè siamo costretti a tenerci quelli che abbiamo?

Personalmente rivoglio le preferenze!
Mi piace pensare di avere il potere (seppur condiviso), di mandare tizio o caio al parlamento.

Trovo ridicolo e offensivo sentire che avrebbero abolito le preferenze perchè spesso erano oggetto di trattativa economica.
Analogamente, allora si potrebbe pensare di “abolire il telefono” perchè si scopre che alcuni malviventi lo utilizzano per organizzare le rapine.

C’ è bisogno di serietà e di correttezza!

Sono arcistufo di queste facce che mi fanno vergognare di essere italiano!

Ho bisogno di sognare! Ho bisogno di gente nuova che mi faccia sperare in un domani migliore.

Tra trent’ anni mio figlio sarà grande:

Che mondo troverà??

Perlomeno spero che Berlusconi e il politico di cui ancora non ricordo il nome saranno ormai scomparsi e dimenticati, se non altro per limiti di età anagrafica!

Corriere della Sera

ROMA – È stata depositata nella cancelleria della quinta sezione della Corte d’Appello di Milano l’istanza con la quale Silvio Berlusconi ha ricusato il presidente della decima sezione del Tribunale di Milano, Nicoletta Gandus. La ricusazione riguarda il processo in cui il premier è imputato per corruzione in atti giudiziari con l’avvocato inglese David Mills. Per Berlusconi il processo deve essere spostato perché – si legge nell’istanza di ricusazione – la Gandus avrebbe in passato rilasciato dichiarazioni che attesterebbero una «inimicizia grave» nei confronti dell’imputato.

LA LETTERA – Berlusconi aveva annunciato questa decisione in una lettera al presidente del Senato, Renato Schifani: «Ho preso visione della situazione processuale e ho potuto constatare che si tratta dell’ennesimo stupefacente tentativo di un sostituto procuratore milanese di utilizzare la giustizia a fini mediatici e politici, in ciò supportato da un Tribunale anch’esso politicizzato e supinamente adagiato sulla tesi accusatoria», ha scritto il premier nella lettera (leggi il testo integrale). Secondo il presidente del Consiglio, in particolare, il giudice Gandus ha «assunto posizioni pubbliche di netto e violento contrasto» contro il precedente governo Berlusconi.

«CHI GOVERNA NON DENIGRI» – Sulla vicenda è intervenuta anche l’Anm, l’Associazione nazionale dei magistrati. «Chi governa il paese non può denigrare e delegittimare i giudici e l’istituzione giudiziaria quando è in discussione la sua posizione personale» afferma il sindacato delle toghe. «Questi comportamenti – evidenzia ancora l’Anm – rischiano infatti di minare alla radice la credibilità delle istituzioni e di compromettere il delicato equilibrio tra funzioni e poteri dello Stato democratico di diritto».

«GRAVE INIMICIZIA» – Nell’istanza di ricusazione presentata, come detto, si sostiene che Nicoletta Gandus avrebbe fatto «reiterate manifestazioni di pensiero» che «appalesano» una «inimicizia grave nei confronti dell’imputato Berlusconi». «Il concetto di grave inimicizia che legittima sia la richiesta di astensione sia la dichiarazione di ricusazione», proseguono gli avvocati del premier, «deve essere valutato secondo interpretazione teleologica». In particolare si fa riferimento a un documento intitolato «Appello per la giustizia – un impegno per la giustizia» pubblicato sul sitoMegachip.info che ha tra i firmatari la giudice e che si scaglia contro una serie di leggi approvate dal governo Berlusconi. Le leggi a cui si riferisce il documento, tra le quali compaiono la legge di depenalizzazione per falso il bilancio, la legge cosiddetta ex Cirielli, e la cosiddetta legge Pecorella, sono, a parere dei firmatari, «causa di impunità per i potenti e sono state adottate frasi esclusivamente al fine di perseguire gli interessi personali di pochi, ignorando quelli della collettività e quindi con ogni evidenza riferibili al presidente Berlusconi, devono trovare abrogazione immediata». Secondo i difensori del premier, per la dottoressa Gandus sarebbe «l’avversario politico in tutti i campi. Nella giustizia, negli aspetti costituzionali del Paese, nelle questioni morali, nella politica estera». L’istanza di ricusazione cita anche altri documenti sottoscritti dalla dottoressa Gandus sempre critica nei confronti dell’operato del governo dell’ex premier e pertanto secondo la difesa «la dottoressa Gandus avrebbe dovuto astenersi dal processo per ragione di convenienza».

«RESPINGIAMO ILLAZIONI» – Il procuratore della Repubblica di Milano, Manlio Minale, «deve con forza respingere» le «illazioni» dopo aver letto «così come riportato sulla stampa» il testo della lettera di Berlusconi al presidente del Senato in cui si parla di «stupefacente tentativo di un sostituto procuratore milanese di utilizzare la giustizia a fini mediatici e politici» nel processo Mills-Berlusconi. Lo si legge in una nota del capo della procura.

IL PROCESSO – Al centro del procedimento sui presunti fondi neri, iniziato nel marzo 2007, c’è l’accusa secondo cui Berlusconi nel 1997 fece inviare 600 mila dollari a Mills come ricompensa per non aver rivelato in due processi, in qualità di testimone (e quindi con l’obbligo di legge di dire il vero e non tacere nulla), le informazioni su due società off-shore usate da Mediaset, secondo la procura, per creare fondi neri. Sia Berlusconi sia Mills hanno sempre respinto le accuse, e Mediaset ha ribadito in più occasioni in diverse note la propria correttezza e trasparenza.

«NON PARLO» – Nessun commento, dopo il deposito della ricusazione, da parte di Berlusconi, rientrato a Roma intorno alle 11. Il premier ha trascorso circa un’ora tra i negozi del centro vicino alla sua residenza di Palazzo Grazioli. Ai cronisti che lo hanno avvicinato per chiedergli un commento, il Cavaliere si è limitato a dire: «Sto bene, sto bene». Poi, dopo la foto con una turista e qualche stretta di mano con i passanti, Berlusconi è rientrato a Palazzo Grazioli. Ha preferito non rispondere a chi gli chiedeva un pronostico sull’attesissima partita Italia-Francia e, infine, ha aggiunto sorridendo: «Ho detto che dovete cambiare mestiere – ha ribadito ai cronisti – non parlo nemmeno sotto tortura».

BAGARRE IN AULA – Ma la lettera di Berlusconi a Schifani ha provocato un pandemonio in Parlamento. Dopo che il Presidente del Senato l’ha letta in aula, dai banchi dell’ opposizione si sono levate proteste (soprattutto dopo il passaggio in cui il premier parla di «aggressione» da parte delle «toghe di sinistra»). Schifani ha tirato dritto e al termine della lettura dai banchi della maggioranza sono arrivati applausi mentre tra quelli dell’opposizione sono continuate le contestazioni. Poi è scattato l’ostruzionismo: numerosissime le richieste giunte dai senatori dei partiti di minoranza che chiedono di intervenire per «il non passaggio al voto degli articoli» del decreto sicurezza. Nel mirino i due emendamenti «salva-premier» presentati dai relatori del provvedimento Filippo Berselli e Carlo Vizzini.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi