Go to Top

Cane scatena lite condominiale: un anziano ucciso a bastonate

Cane scatena lite condominiale: un anziano ucciso a bastonate

La vittima, 76 anni, è stato aggredito dal vicino di casa durante una lite legata alla presenza di un cane nel condominio. Fermato l’omicida

Cari amici,

Da quotidiano.net traggo la notizia di un altro omicidio avvenuto per futili motivi di convivenza condominiale.

La ragione principale di questi fatti è la mancanza di un “autorità condominiale” che possa dirimere le controversie in modo pacifico.

E’ necessario che i condòmini si mettano d’ accordo, per poter creare questa organizzazione sociale che possa diventare un “ammortizzatore” delle relazioni e un verificatore autonomo e indipendente della gestione amministrativa e gestionale.

La Community AziendaCondomìnio vuole diventare un Ente di servizio di questo genere.

Se non si trovano dei mezzi efficienti e democratici che possano dirimere le controversie attraverso il dialogo, l’ unica possibilità di difendere i diritti di convivenza dei residenti sarà il ricorso all’ autorità giudiziaria: Una via impervia, difficile, lunga e molto costosa.

Questi mezzi adatti a facilitare il compromesso l’ amministratore non può fornirli, in quanto egli è parte in causa; il rappresentante legale dell’ ente Condomìnio, pertanto, può svolgere soltanto un ruolo di facilitatore al compromesso tra i residenti.

Ma quando lui stesso (l’ amministratore), assume il ruolo di attore o di convenuto di una controversia, fino a che non viene citato in giudizio può soltanto ricorrere al proprio potere per difendersi, e pertanto, anche se ha ragione, agli occhi della comunità condominiale egli apparirà come un capro espiatorio, con tutti i doveri possibili da adempiere, e nessun diritto da accampare.

Quotidiano.net

Cosenza, 25 ottobre 2008 – È finita in tragedia, a Cosenza, una lite condominiale. Un anziano è morto, dopo essere stato colpito a bastonate, nel corso di una accesa discussione in un condominio di via Serra, in pieno centro cittadino. La vittima si chiamava Gabriele D’Ambrosio, 76 anni, pensionato, padre di un consigliere comunale di Rende, comune attiguo a Cosenza.
Secondo le prime notizie l’uomo avrebbe avuto una lite per una banale discussione, sembra legata alla presenza di un cane nel condominio. L’aggressore è stato già fermato dalle forze dell’ordine.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi