Go to Top

I locali commerciali partecipano alle spese di condominio?

Quesito…

In un condominio – composto da appartamenti e locali commerciali/artigianali, sottostanti ai primi – a ultimazione dei lavori di costruzione dello stabile fu elaborata la tabella millesimale senza includere i locali commerciali.

I condòmini proprietari degli appartamenti non si sono mai opposti a tale situazione, ma, adesso che occorre effettuare lavori di ingente importo per lastrico solare, terrazzi condominiali e androne, occorre che alle spese partecipino tutti i proprietari.

Ma i proprietari dei locali commerciali si oppongono, adducendo che i loro immobili non sono inclusi in tabella e che essi non hanno mai concorso ad alcuna spesa. La pretesa di non pagare è lecita oppure è possibile imporre anche a loro il concorso alle spese condominiali?

Risposta…

L’ obbligo del condomino di contribuire alle spese necessarie alla conservazione e al godimento delle parti comuni dell’edificio, alla prestazione dei servizi nell’interesse comune e alle innovazioni deliberate dalla maggioranza trova la sua fonte nella comproprietà delle parti comuni dell’edificio (articolo 1123, comma 1, del Codice civile: Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell’edificio, per la prestazione dei servizi nell’interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione (1104, att. 68 e seguenti ).

Posto ciò, l’ esenzione totale di uno o più condòmini dal pagamento di tutte le spese, salvo che non sia prevista in un regolamento condominiale di tipo contrattuale, o comunque sulla base dell’accordo fra tutti i condòmini, non è lecita.

Il fatto che alcune unità immobiliari non siano inserite nella tabella millesimale, a meno che la cosa non sia stata stabilita in base a una convenzione fra tutti i partecipanti il condominio, rappresenta un errore che [1] può comportare il ricorso al giudice per la sua modifica o integrazione, sempre che l’assemblea non deliberi in tal senso con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio («Sono valide le deliberazioni approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio»).

I locali commerciali partecipano alle spese di condominio?

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi