Go to Top

Il Papa parla in nome dell’ umanità

Il Papa all’Onu: “I diritti umani sono la strategia per la sicurezza”
Il Pontefice: “La promozione dei diritti umani rimane la strategia più efficace per eliminare le disuguaglianze fra Paesi e gruppi sociali, come pure per un aumento della sicurezza”.

Cari amici,

Mi sento di sottoscrivere con convinzione questo titolo tratto dalla Nazione.
In un mondo “globalizzato” anche i diritti e i doveri devono diventare “globalizzati”.

Non so quando si riuscirà in questa impresa, ma certo che è già cominciata.
Dobbiamo tutti sentirci e diventare sempre di più cittadini del mondo, in una grande famiglia umana.

I confini tra le nazioni, in realtà, sono soltanto convenzioni legali; i contrabbandieri e i profughi, infatti, non li hanno mai rispettati, e anche oggi non li rispettano.

In Italia, così come nelle altre nazioni, non si sa quanti “clandestini” ci siano, ma è certo che sono tanti, e che non si distinguono, perchè in effetti non ci sono differenze.

Purtroppo nel mondo non ci sono più posti dove nascondersi, perchè è diventato piccolo come un paese!

La buona notizia è che possiamo imparare a viverci bene

….come in un grosso condomìnio!

La Nazione

“La promozione dei diritti umani rimane la strategia più efficace per eliminare le disuguaglianze fra Paesi e gruppi sociali, come pure per un aumento della sicurezza”. Lo ha affermato Benedetto XVI nel suo discorso all’Onu, ricordando che “le vittime degli stenti e della disperazione, la cui dignità umana viene violata impunemente, divengono facile preda del richiamo alla violenza e possono diventare in prima persona violatrici della pace”.

“La vita della comunità, a livello sia interno che internazionale, mostra chiaramente – ha spiegato – come il rispetto dei diritti e le garanzie che ne conseguono siano misure del bene comune che servono a valutare il rapporto fra giustizia ed ingiustizia, sviluppo e povertà, sicurezza e conflitto”.

Per il Papa, tuttavia, il dovere del rispetto dei diritti non discende da un semplice calcolo di convenienza ma necessita di un cambiamento profondo: “il bene comune che i diritti umani aiutano a raggiungere non si può realizzare – ha osservato – semplicemente con l’applicazione di procedure corrette e neppure mediante un semplice equilibrio fra diritti contrastanti. Il merito della Dichiarazione Universale è di aver permesso a differenti culture, espressioni giuridiche e modelli istituzionali di convergere attorno ad un nucleo fondamentale di valori e, quindi, di diritti”. Secondo il Pontefice, “oggi occorre raddoppiare gli sforzi di fronte alle pressioni per reinterpretare i fondamenti della Dichiarazione e di comprometterne l’intima unità, così da facilitare un allontanamento dalla protezione della dignità umana per soddisfare semplici interessi, spesso interessi particolari”.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi