Go to Top

Nomina amministratore

Nomina amministratore

La nomina dell’ amministratore fatta dal costruttore-venditore di un fabbricato, anche se inserita nel rogito, è nulla.
In questo caso i condòmini potranno ribellarsi in ogni momento, e non esistono limiti di prescrizione.
Ciò è stabilito dalle norme del codice civile, che prevedono che è l’ assemblea l’ organo preposto a nominare l’ amministratore.

Pertanto il problema degli amministratori nominati al momento dell’ acquisto di quote di un complesso in multiproprietà è molto delicato.

Nei fatti, la nomina in questi casi viene "imposta" dal costruttore, magari attraverso artifici legali.
Per esempio un’ altra persona, legata al costruttore, è incaricata di raccogliere le deleghe di voto dei multiproprietari e nomina lui stesso l’ amministratore.
Questo processo, anche se è discutibile, dal punto di vista del costruttore è difficile da evitare.

Alla nomina, in questo caso, dovrebbero partecipare centinaia di persone, ognuna titolare di poche settimane all’ anno di un diritto di proprietà verso un appartamento.

Per ovviare al problema, e trovare il modo di orientare la gestione delle multiproprietà verso amministratori di gradimento dei proprietari (e non dei costruttori), oggi c’ è la soluzione di iscrivere questi enti condomìnio al forum AZIENDACONDOMINIO.
Il FORUM permette infatti di convogliare le decisioni di moltissime persone verso decisioni condivise e di qualità.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi