Go to Top

Manutenzione ordinaria

Manutenzione ordinaria

Le opere di manutenzione ordinaria sono quelle necessarie per conservare la cosa comune in uno stato di normalità, nonché quelle dirette a mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti, effettuando, per esempio, le necessarie riparazioni ai campanelli, ai citofoni, all’antenna centralizzata, al portone d’ingresso, le revisioni periodiche all’impianto dell’ascensore di illuminazione e a quello di riscaldamento, la riparazione della pompa per il sollevamento dell’acqua etc. (LOVATI, MONEGAT).
L’esecuzione di queste opere rientra tra i doveri che la legge impone all’amministratore (art. 1130, 1° co., nn. 3 e 4, c.c.) e può essere pretesa anche dal singolo partecipante al condominio, il quale lamenti danni dovuti al cattivo funzionamento di un impianto o all’insufficiente manutenzione di una parte comune.
Alla riscossione dei contributi e alla erogazione delle spese occorrenti per la manutenzione ordinaria l’amministratore può provvedere anche senza la preventiva autorizzazione dell’assemblea dei condòmini, trattandosi di esborsi generalmente dovuti a scadenze fisse, ai quali l’amministratore medesimo provvede in base ai suoi poteri e non come esecutore delle delibere assembleari (Cass. 18-8-1986, 5068).

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi