Go to Top

Legge 13/1989

Legge 13/1989

L’ innovazione a proprie spese invocando la legge 13/1989 non è consentita, se si deve intervenire con opere murarie che modificano il fabbricato, sottraendo una porzione della cosa comune all’ utilizzazione di tutti gli altri condòmini, al fine di attrarla in una sfera di esclusiva disponibilità.
L’ opera è fattibile solo se tutti i condòmini danno la loro autorizzazione (Pretore di Milano 18/4/1989).

Il provvedimento di legge 13 del 9/1/1989, ha l’ obiettivo di favorire, nell’ ambito del condominio, una più facile formazione di maggioranze favorevoli per le innovazioni che favoriscono le persone disabili.
La legge fissa maggioranze ordinarie in seconda convocazione, con almeno 1/3 dei condòmini in rappresentanza di almeno 334 millesimi, anche per gli interventi strutturali.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi