Go to Top

Condomìnio

Definizione

Il termine condomìnio deriva dalla fusione delle parole latine CUM, cioè INSIEME, e DOMINUS, che significa PROPRIETARIO.

Cioè si può intendere il significato di CUMUNANZA NELLA PROPRIETA’.

Dal punto di vista giuridico, tutti i rapporti giuridici ed economici riferiti al condomìnio sono, in raltà, riferiti ai singoli partecipanti alla comunione.
Ne consegue che l’ esistenza del rappresentante legale (L’ amministratore), non priva i singoli condòmini del patere di agire direttamente a tutela dei diritti connessi alla partecipazione al condomìnio (Cassazione, n. 8257 del 29/8/1997).

ll condomìnio, quindi, NON E’ una persona giuridica.

Si può definire come ENTE DI GESTIONE del bene di proprietà comune.
Se non è definita la sede all’ indirizzo del fabbricato, il domicilio dell’ ente è presso il rappresentante legale (Amministratore protempore)

Situazione di condomìnio

Dal discorso appena scritto, si può dedurre che la nascita di un condomìnio si verifica, di fatto, dalla costruzione e dal frazionamento sul suolo comune da parte del proprietario originario.

Il fatto di cedere a due o più soggetti la proprietà esclusiva di alcune parti dell’ edificio, genera automaticamente la costituzione del condomìnio.

E’ opportuno, ma non necessario, che gli interessati formalizzino il rapporto di condomìnio davanti ad un notaio, magari (e preferibilmente) in occasione della formalizzazione delle tabelle millesimali.

Lascia un commento

I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi