Go to Top

Condominio di due soli proprietari

Condominio di due soli proprietari

Nessuna norma prevede che le disposizioni dettate per il condomìnio degli edifici non si applicano al "condominio minimo", composto da due soli proprietari.

Con la decisione n. 2046/2006, la Corte di Cassazione ha inoltre rettificato l’ affermazione che l’ impossibilità di impiegare il principio maggioritario rende inapplicabile ai condomìni minimi le norme procedimentali sul funzionamento dell’ assemblea, e determini automaticamente il ricorso alle norme sulla comunione in generale (Cassazione n. 4721/2001 e 5914/93).

Secondo la Corte nessuna norma contempla l’ impossibilità teorica e tecnica che le decisioni vengano assunte con un criterio diverso da quello maggioritario.

Insomma, nessuna norma impedisce che l’ assemblea, nel caso di condomìnio formato da due soli condòmini, si costituisca validamente con la presenza di tutti e due i condomìni, e che, all’ unanimità, si deliberi validamente.

Lascia un commento